RAUSEO Giuseppe

 

Il segreto di una buona fotografia ? "Nessun segreto.... solo la bellezza, l'innocenza, la fragilità, la natura."

Una vera passione  per la "piana di San Lorenzo" nei pressi di Troia, in Puglia: la luce, i fazzoletti di terra, le dolci colline che la circondano, i casolari abbandonati, i campi arati. Un luogo incantevole.

la fotografia

La fotografia di paesaggi

 

è, senza dubbio, uno dei rami più interessanti, assieme alla ritrattistica e reportage, nel mondo della fotografia. Non c’è fotografo al mondo, dall’amatore al professionista che, per un certo periodo della sua vita, non abbia dedicato del tempo allo studio e sviluppo di qualche paesaggio.

Forse è una cosa innata, ma siamo affascinati dalle bellissime immagini del mondo che ci circonda e per un fotografo diventa fondamentale interpretare correttamente queste scene, riprenderle e poi condividerle con un pubblico più ampio, sperando di riuscire a comunicare a tutti le stesse sensazioni provate quell’istante.

Creare una buona immagine di paesaggio non è facile. Quando si inizia a fare questo tipo di fotografia, ben presto, si concretizza la consapevolezza, specie osservando foto nel web, che i nostri risultati sono molto scarsi e d’istinto si realizza l’idea – nessuno escluso – che la soluzione consista nell’acquistare le migliori fotocamere ed obiettivi idonei per questo scopo. Cosa che ho fatto anch’io; non c’è nulla di cui vergognarsi! In realtà, non c’è proprio cosa più sbagliata di questa perché, alla fine, oltre continuare a far foto mediocri, ci ritroveremo con il portafogli molto più alleggerito.

La ritrattistica

 

Prima di addentrarsi nei “meandri” della tecnica ritrattistica con le parole di Steve McCurry (famoso autore National Geographic) vorrei spiegare “come” un fotografo deve porsi di fronte  al proprio soggetto:

“La maggior parte delle mie immagini sono di persone, cerco il momento indifeso, l’anima più genuina che si affaccia, l’esperienza impressa sul volto di una persona. Cerco di trasmettere ciò che quella persona può essere, una persona colta sopra un paesaggio più ampio, che potremmo chiamare la condizione umana. Ho imparato a essere paziente. Se aspetti abbastanza, le persone dimenticano la macchina fotografica e la loro anima comincia a librarsi verso di te.”


Primissimo piano: quando si esegue un’inquadratura spinta sul volto o su un punto particolare del soggetto (occhi, bocca..)

Primo piano: quando si esegue un’inquadratura concentrandola dal volto fino alle spalle (tipo foto tessera.)

Mezzo busto: quando si esegue un’inquadratura del soggetto dalla testa fino al busto/fianchi.

Piano americano: quando si esegue un’inquadratura concentrandola dal volto fino ai ginocchi.